Segui @cucinasano

Chi siamo

Il nostro scopo, la nostra filosofia è quella di una
cucina sana e al contempo buona, gustosa, saporita.
Una cucina, che rispetti
le necessità, di chi desidera seguire un regime alimentare attento alla quantità
di grassi.

Le nostre ricette non contengono uova, latte e tutti i suoi derivati. Non ci sono fritti e soffritti. Le carni non sono sfumate con il vino. Solo olio extravergine a crudo.



lunedì 18 marzo 2013

Spezie e profumi, zenzero e cannella - Parte II

I sali che ho preparato sono molto semplici da fare. Per le quantità potete aggiungere o sottrarre in base ai vostri gusti. Per tale notivo non vi darò delle dosi, ma più semplicemente delle indicazioni.


Per il sale all’Ibisco ho mescolato il sale grosso ed il sale fino. Ho aggiunto una punta di polvere d’ibisco ed ho pestato il tutto. La polvere d’ibisco ha un colore bellissimo ed è l’ideale per colorare e rifinire i piatti.




Per il sale al Sesamo prendete un cucchiaio di sesamo e tostatolo in una padella. Non è necessario aggiungere olio. Poi mischiatelo al sale fino e pestateli insieme finché il sesamo non si è frantumato ed il sale ha assunto un bel colore dorato.




Per il sale ai Capperi ho usato dei capperi piccoli di Pantelleria. Li ho mischiati al sale fino ed ho pestato il tutto. Di capperi ne ho messo due o tre, perché il loro sapore ed aroma è molto intenso e non c’è bisogno di aggiungerne grosse quantità.




Per il sale all’Arancia il procedimento è lo stesso. Aggiungiamo al sale una manciatina di scorze d’arancia essiccate. Pestiamo il tutto finché gli oli essenziali, presenti nelle bucce d’arancia, non si sprigionino ed aromatizzino il sale.




L’ultimo che ho preparato è il sale alla Salvia. La salvia secca è molto facile da preparare ed utile in cucina, perché mantiene perfettamente l’aroma forte e pungente. Ho cominciato con poche foglie e pochissimo sale. Dopo aver pestato insieme, a poco a poco ho aggiunto altro sale, fino a raggiungere l’intensità di aroma che mi piaceva.



Ecco fatto!

Se ne volete sapere di più, visitate il sito www.italyexport.com