Segui @cucinasano

Chi siamo

Il nostro scopo, la nostra filosofia è quella di una
cucina sana e al contempo buona, gustosa, saporita.
Una cucina, che rispetti
le necessità, di chi desidera seguire un regime alimentare attento alla quantità
di grassi.

Le nostre ricette non contengono uova, latte e tutti i suoi derivati. Non ci sono fritti e soffritti. Le carni non sono sfumate con il vino. Solo olio extravergine a crudo.



lunedì 10 settembre 2012

Crostata di marmellata e albicocche sciroppate con farina di Kamut (Senza Burro)

Eccola, la ricetta dolce!!! Ho pensato e ripensato ed alla fine mi è venuto in mente che, il dolce che potevo preparare, era proprio un dolce di pasta frolla.

La pasta frolla non necessita né di latte e né di uova. L’unico ingrediente, che è poi il suo fondamento, è il burro. Sostituirlo non è cosa da poco. La caratteristica del burro è la cremosità e la ricchezza, che scaldandosi si ammorbidisce, rendendo fragrante e profumato l’impasto. Quando si raffredda, diventa friabile e croccante. 

L’ingrediente base dunque nella mia ricetta sarà l’olio extravergine d’oliva. Dovrà essere un ottimo olio, dal sapore delicato e fresco. Per fortuna io gioco in casa, perché utilizzerò l’olio che produciamo in famiglia, dunque un prodotto naturale, di coltivazione biologica e senza incognite. Vi consiglio d’investire sul vostro acquisto, come se doveste acquistare un buono vino d’annata, con l’unica differenza, però, che l’olio non deve invecchiare, anzi più e giovane e fresco meglio è. Assicuratevi anche della provenienza. La differenza, credetemi si sentirà al palato.

Ero molto dubbiosa e titubante del risultato, eppure questo dolce è andato al di là di ogni mia aspettativa, sia per sapore che croccantezza. Buono!
I miei amici hanno proprio gradito e fatto il bis. Qualcuno ha anche detto, che se non avessi detto loro che non c'era il burro, non se ne sarebbero accorti!!! Ve lo consiglio per una colazione sana, oppure un dopo pasto a basso contenuto di grassi.

Dunque la ricetta di oggi è…


Crostata di marmellata e albicocche sciroppate con farina di Kamut (Senza Burro)


180 gr di farina di Kamut
120 gr di fecola di patate
150 gr di zucchero
250 gr di marmellata di albicocche
1 barattolo di albicocche sciroppate
un bicchiere di olio extravergine d’oliva (pari a 100 ml)
un bicchiere di acqua (pari a 100 ml)
un pizzico di sale
10 gr di lievito per dolci


Prendete una ciotola abbastanza capiente e versate la farina di Kamut setacciata.


Aggiungete la fecola di patate. Ora versate lo zucchero e mescolate i tre ingredienti.


Formate una fontana e nel centro versate l’olio ed il sale.


Cominciate a girare con un cucchiaio di legno facendo cadere la farina nell’olio gradatamente in modo che questa si assorba. Lentamente aggiungete l’acqua tiepida, che servirà solo ad aiutarvi ad amalgamare meglio gli ingredienti. Se vedete che già mezzo bicchiere è sufficiente non versate il rimanente. Fate in modo che si cominci a formare un panetto.


Aggiungete il lievito in polvere setacciandolo. Poggiate l’impasto su di una spianatoia spolverata di farina e cominciate a lavorare la massa con le mani. Se è troppo appiccicosa aggiungete a pioggia altra farina. L’impasto deve essere soffice. Attenzione a non lavorarlo troppo, perché con il calore delle mani, tende ad allentarsi, inoltre il lievito comincia il suo processo.



Prendete una teglia bassa con un diametro di cm 26. Stendete la pasta con le mani.


Rialzate i bordi e punzecchiate con una forchetta. Spalmate un buon strato di marmellata di albicocche.


Se per caso siete delle appassionate di marmellate fatte in casa, è il momento di tirarla fuori. Io ho utilizzato la mia, è un po’ più scura di quelle che si trovano in commercio, ma sicuramente meno dolce.


Disponete a raggiera le albicocche sciroppate.



Passate in forno già riscaldato a 180° per 40’. Voi conosciete il vostro forno e potete variare di un po' se lo ritenete necessario. Controllate con uno stecchino che il dolce sia cotto. Infilzate la crostata nel centro se la massa non rimane sullo stecchino è pronto. I bordi devono essere belli dorati, come il colore dei biscotti. Lasciate in forno spento per altri 5’.


Non fate come me, che divento sempre impaziente. Aspettate che si raffreddi per togliere la crostata dalla teglia, perché è molto friabile e tende a spezzarsi con facilità.



Quando sporzionate e servite nei piattini, versate un cucchiaio di sciroppo delle albicocche sopra la marmellata. Così acquisterà un aspetto più brillante e senza l'uso della gelatina, sarà anche più buona.




Buon Appetito!