Segui @cucinasano

Chi siamo

Il nostro scopo, la nostra filosofia è quella di una
cucina sana e al contempo buona, gustosa, saporita.
Una cucina, che rispetti
le necessità, di chi desidera seguire un regime alimentare attento alla quantità
di grassi.

Le nostre ricette non contengono uova, latte e tutti i suoi derivati. Non ci sono fritti e soffritti. Le carni non sono sfumate con il vino. Solo olio extravergine a crudo.



sabato 12 luglio 2014

Letture Consigliate - Il Libro di Luglio - I Romanzi di Cucina

Ricette e Salute, per la rubrica i romanzi che parlano di cucina, presenta il libro del mese di Luglio.
Se siete degli appassionati di cioccolata, questo è il libro giusto per sublimare la mancanza dovuta ai mesi estivi, meno inclini al suo consumo!


Il libro della scrittrice britannica Joanne Harris Chocolat, scritto nel 1998 e pubblicato in Italia nello stesso anno, ha ispirato l'omonimo film uscito nel 2000. La storia racconta di Vianne Rocher e di sua figlia Anouk, che dopo molto girovagare per il mondo, si trovano a metter radici in un piccolo villaggio della Francia, Lansquenet.
La donna apre una deliziosa ed elegante cioccolateria La celeste praline, che però accende le antipatie di Francis Reynaud, Monsieaur le Curè. Il parroco del villaggio, che fin dal primo momento, trova disdicevole che Vianne apra una cioccolateria durante il periodo della Quaresima, non solo, che lei non frequenti la chiesa, che non sia sposata ed abbia una figlia, che induca ai piaceri del gusto, anziché al digiuno. Vianne rappresenta una minaccia alla sua autorità, insediatasi all'interno della piccola comunità chiusa, in cui la diversità dai modelli dominanti viene osteggiata in tutti i modi e maniere, da lui e dai suoi fedeli.

"...Vendo sogni, piccoli comfort, tentazioni dolci e innocue per far scendere una schiera di santi che precipitano uno dopo l'altro tra le nocciole e i torroncini...
E' così male?"

Se il film è stato un grande successo, il libro non è da meno anzi, e dovete assolutamente leggerlo. La passione del cioccolato e della magia che si lega alla sua preparazione, è trattato con lo stesso incanto, con cui si parla di temi più seri come quello della paura della diversità e degli stranieri.

" Questa è un'arte che mi diverte. C'è un alone di stregoneria in tutta la cucina; la scelta degli ingredienti, il modo in cui vengono mescolati, grattugiati, sciolti, le infusioni e come si insaporiscono, le ricette prese da vecchi libri, gli utensili tradizionali - il pestello e il mortaio, gli stessi con cui mia madre preparava l'incenso, adibiti ad uno scopo più domestico, le spezie e gli aromi che perdono la loro raffinatezza e lasciano il posto a una magia più primitiva  e sensuale".

Dunque...

Buona Lettura!






Articoli Correlati

Il Libro di Maggio: Il Talento del Cuoco
Il Libro di Aprile: Il Ristorante dell'Amore Ritrovato
Il Libro di Marzo: Racconti Gastronomici